Biorisonanza Quantica

Quando si parla di disagi legati all’ alimentazione, si è portati spesso a pensare al sovrappeso, all’anoressia o alla bulimia: disturbi al limite, eppure oggi largamente diffusi. Raramente si considerano gli alimenti quali potenti strumenti in grado di regolare i nostri stati di ansia, stress, insonnia, depressione, disistima, confusione mentale, stanchezza, astenia, mancanza di motivazione e disinteresse, mancanza di empatia, difficoltà relazionali o di concentrazione, rabbia, irritabilità, dipendenze affettive, insicurezze, alterazioni percettive; ma anche allergie, emicranie, dolori muscolari, capricci infantili. Molte delle nostre condotte sono ascrivibili a effetti alimentari sul nostro corpo (cervello incluso) e sul nostro livello energetico. Gli alimenti che quotidianamente ingeriamo possono alterare il sistema percettivo, il pensiero, la volontà, il mondo energetico, emotivo e relazionale, nonché lo stato di benessere generale. Insieme possiamo scoprire quanto invece sia facile modificare l’umore, le emozioni, le capacità cognitive, sino a rimodellare consapevolmente la propria personalità e promuovere il proprio naturale benessere.

Il corpo umano è un insieme di cellule che emettono  onde elettromagnetiche ininterrottamente. Queste onde  sono  dei veri e propri segnali in grado di rappresentare la specifica condizione del corpo in quel momento. Quindi, a  diversi segnali di onde elettromagnetiche corrispondono  differenti condizioni fisiche: benessere, disagio, malessere, malnutrizione, presenza di tossine o carenze cellulari. Pertanto, captando e analizzando le onde elettromagnetiche si è in grado di monitorare le principali condizioni vitali di una persona. L’Analizzatore di biorisonanza quantica è un nuovo strumento in grado di compiere questo specifico compito. Nella concezione quantistica la principale causa della formazione di disturbi e disfunzioni è il cambiamento dei movimenti e delle orbite degli elettroni. Ciò stimola il cambiamento degli atomi che, a loro volta, causano il cambiamento micromolecolare biologico.  Gradualmente tutte le cellule iniziano a trasformarsi finché l’intero organo è soggetto a mutazione. Le variazioni di energia dell’onda elettromagnetica causate da disfunzioni o malnutrizione sono, in genere, molto deboli. Amplificando lo spettro dell’onda, l’Analizzatore è in grado di raccogliere i segnali emessi e di analizzarli. I dati così ottenuti sono infine comparati con molteplici indicatori per stabilire se le onde rilevate sono regolari o meno. La  metodica di valutazione quantico vibrazionale è basata sulla percezione sensoriale NLS (sistema non lineare) dove viene scansionato l’intero corpo dai tessuti e delle cellule.

Questa innovativa tecnica di analisi è: non invasiva, pratica e indolore. Si è dimostrata capace di poter analizzare una variazione d’onda a partire da sole dieci cellule le cui emissioni siano caotiche. Questo comporta la possibilità di rilevare un disordine ancora prima che si manifesti in segnali evidenti e suggerire correzioni alimentari specifiche per ciascun individuo semplicemente correggendo abitudini alimentari nocive. Vengono valutati gli stati organo energetici, individuando stati infiam-matori che possono causare patologie e agenti patogeni come virus, batteri, amebe, parassiti, allergeni, alimenti consigliati e intolleranti.

La metodica quantistica rileva l’alterazione della radiazione elettromagnetica proprio dove essa ha origine, la decodifica e la mostra sullo schermo del computer dove è riprodotto a colori un modello virtuale dell’organo in esame.    

 È quindi possibile interagire in tempo reale, selettivamente, con lo spettro della radiazione elettromagnetica responsabile dell’alterazione. I modelli informatizzati forniscono immagini in tre dimensioni sia degli organi interni che di tessuti, vasi, cellule e DNA. Icone colorate posizionate sull’immagine rendono più facile individuare la localizzazione del processo infiammatorio del tessuto. Si possono quindi ottenere risposte circa organi specifici, a proposito di omeostasi dei liquidi e dei tessuti, e sulle certezze e probabilità di una patologia, sugli allergeni, sull’attività di microrganismi (virus, batteri, funghi), sui parassiti intestinali, sui rimedi, omeopatici o fitoterapici da impiegare, sui cibi consentiti o da evitare, ecc.

Ogni risposta è poi correlata da un valore alfa-numerico e da un grafico di riferimento, che consente all’operatore di comparare in ogni istante la situazione reale con quella virtuale