La Nutrigenetica funziona?

 

 

Oggi vi sono molti tipi di test genetici sul

mercato e può essere piuttosto complicato

scegliere un servizio veramente affidabile. 

La maggioranza dei test offre consigli sulla

 nutrizione e spesso con la pretesa di saper

 decidere la migliore dieta dimagrante.

Vi sono, tuttavia, alcune regole da osservare.   

Ogni tipo di test che pretenda di offrire

suggerimenti sulla salute deve possedere

i seguenti requisiti:

 

Validità analitica

Questa riguarda l'accuratezza dei risultati

genetici. Assicuratevi che il laboratorio sia

affidabile ed abbia una buona esperienza

nel campo delle analisi genetiche. Idealmente

 il laboratorio prescelto specializzerà solo nella genetica.                                               

 

 

Validità clinica: 

L'effetto delle variazioni genetiche analizzate

deve essere ampiamente suffragato

da molti studi scientifici di indubbia qualità.

1.es. Il SNP (677T) nel gene MTHFR causerà

         quasi certamente alti livelli di omocisteina 

         quando i livelli di acido folico nella dieta sono bassi

2.es. Gli individui che non hanno il gene DQ 2

o DQ8 hanno una minima possibilità di

sviluppare la celiachia.

Queste sue interpretazioni di dati genetici

sono state ampiamente e ripetutamente testate

 e posseggono pertanto validità clinica.

 

Al contrario:

1.es. Una variazione nel gene FADS2 crea una

relazione tra l'allattamento ed il QI

2.es. Una variazione nel gene per il trasporto

 della serotonina (5HTT/SLC6A4) influenza

 il vostro metabolismo e determina quali

cibi dovreste e non dovreste mangiare.

Nessuna di queste due ultime tesi possiede validità

 clinica. La prima è stata investigata in tre studi

differenti. Il primo studio ha mostrato una relazione,

ma altri due studi successivi e più comprensivi non

hanno confermato i risultati del primo. Il primo

studio era probabilmente un falso positivo.

 La seconda ipotesi riguardante la serotonina

ed il metabolismo, non è apparsa in alcuno studio

scientifico e pertanto non ha alcuna validità clinica.

 

 

Utilità clinica: 

Questo è forse l'aspetto più importante e risponde

alla domanda: Si può trarre un significativo beneficio

 dal consiglio nutrizionale che scaturisce dal test?

 È un soggetto che sarà esaminato nel progetto

EU Food4Me 

(di cui sono il direttore del contenuto scientifico). 

Ad esempio: È stato dimostrato molte volte che

aumentando l'acido folico si riduce il livello di

 omocisteina in individui con il gene MTHFR 677T. 

È stato dimostrato che il test genetico per DQ2 e

DQ8 aiuta nella diagnosi della celiachia. Entrambi

questi esempi hanno una indubbia utilità clinica.

 

 

Per quanto concerne invece il legame tra allattamento

 e QI, e serotonina e metabolismo, poichè non vi è

validità clinica, non può esservi alcuna utilità nel test.

 

 

È necessario, dunque, accertarsi che queste

tre caratteristiche siano presenti per confermare

la validità del test genetico e delle sue pretese. A tal fine è necessario che vi sia una totale trasparenza da parte della società che offre il test. 

Se le seguenti informazioni non sono già sul loro website, dovreste allora contattarli e chiedere:

1.La lista dei geni, varianti e sigle “rs” (vedi dbSNP)

2.La lista delle referenze più importanti che dimostrano la validità e l'utilità

3.Un esempio tipo del referto

Se la società che offre il test non è disposta a fornirvi tali informazioni, allora state certamente acquistando qualcosa a scatola chiusa, e non è proprio consigliabile quando si spende più di cento euro. Vedi anche il “Code of Practice”.