Sport e Doping

In questo momento sono sempre più numerosi i soggetti diversamente abili che si dedicano ad una disciplina sportiva; si va da fenomeni di tipo ricreativo ed amatoriale a veri e propri atleti agonisti (vedi i paralimpionici). Ciò comporta enormi vantaggi, sia in termini di recupero psichico, sia spesso fisico dei disabili, e favorisce sicuramente il loro inserimento sociale. Tuttavia, parallelamente agli effetti virtuosi indotti dallo sport, possono associarsi anche fenomeni deteriori, allorché il livello di competitività e gli interessi economici diventano incalzanti. È questo il caso del doping: si definisce “doping” l’utilizzo di qualsiasi intervento esogeno (farmacologico, endocrino, ematologico, ecc.) o manipolazione clinica che, in assenza di precise indicazioni terapeutiche, sia finalizzato al miglioramento  delle prestazioni, al di fuori degli adattamenti indotti dall’allenamento. Oltre a ciò, bisogna considerare che la grande maggioranza delle sostanze dopanti agisce direttamente o indirettamente, primariamente o secondariamente, sul sistema nervoso e sull’apparato locomotore, e tra queste sostanze vi sono molti farmaci utilizzati in Medicina Fisica e Riabilitativa. Alla luce di queste considerazioni, giova foca- lizzare l’attenzione sul doping, nei suoi diversi aspetti, in ambito riabilitativo. Il triste fenomeno in questione appare senz’altro in larga diffusione, coinvolgendo non solo atleti, ma anche soggetti disabili in tratta- mento recuperativo. La causa principale, accanto all’ignoranza (o presunta tale) in merito alla lista dei farmaci proibiti ed alla confusione tra integratori e doping, è da ricercarsi soprattutto nella competitività e nell’agonismo sempre più spinti e precoci che riguardano ormai tutte le discipline sportive, anche quelle tipiche dei diversa- mente abili. Un’altra causa, anche in ambito riabilitativo, è la ricerca dell’attenuazione del senso di fatica; motivazioni economiche come l’intervento degli sponsor sono invece tipiche del mondo sportivo. D’altra parte, da quando sono stati fondati i diversi organismi anti- doping, che qui in Italia hanno maglie particolarmente strette (la FMSI effettua controlli dal 1961, attualmente per conto del CONI- NADO), sono stati inventati sempre nuovi metodi, nuove molecole od escamotages che consentissero di eludere tale sorveglianza. Di conseguenza anche la lista nera si allarga sempre più e la lotta al doping può essere vista come un continuo rincorrersi tra apprendisti stregoni che sfornano sostanze non rintracciabili e i laboratori accreditati dal CIO, che cercano di individuarle. La sempre crescente interazione tra medicina sportiva e medicina riabilitativa rende quindi opportuna una messa a fuoco del problema, onde evitare tutti quei presidi che si leggono come doping in ambito sportivo che sono altrettanto negativi nel mondo del recupero. Ne è un chiaro esempiola recente esclusione dal Tour de France, con verosimile incrimina- zione per reati di tipo penale per il ciclista Riccardo Ricò. Le sostanze dopanti possono essere classificate in vario modo, a seconda che si ponga l’accento sulla natura chimica o piuttosto sul- l’effetto biologico.Tale effetto risulta dall’interazione tra la sostanza, che spesso è un farmaco vero e proprio con indicazioni altrimenti terapeutiche, ed i recettori cellulari dei differenti tessuti dell’organismo dell’atleta. Tutti gli organi ed apparati possono essere coinvolti, ma particolar- mente complesse ed importanti appaiono le interazioni tra doping e Sistema Nervoso. Infatti, accanto all’effetto ricercato dal disabile e naturalmente dall’atleta, che sovente non coincide con quello indicato dalla farmacopea ufficiale per talune patologie, si possono verificare effetti col- laterali (ADR= adverse drug reactions) anche imprevedibili, sia per abuso acuto che per abuso cronico.Tali azioni possono essere modulate da più fattori, tra cui ricordiamo senz’altro: coassunzione di altre sostanze (per esempio, farmaci attivanti come nel morbo di Parkinson, o piuttosto farmaci miorilassanti, come nell’ ipetono spastico), azione di fattori estremi ambientali (temperatura, disidratazione legata all’attività fisica, aumento del tono simpatico da esercizio fisico, ecc.), che possono amplificare l’azione tossica di tali sostanze.La categoria di farmaci più importante e più studiata in tal senso è sicuramente quella degli “stimolanti”, ovvero sostanze eccitanti centrali che generalmente mimano l’azione dei mediatori prodotti dal sistema neurovegetativo ortosimpatico nel corso dell’esercizio fisico e in situazioni di stress, migliorando il grado di attenzione e concentrazione ed aumentando la resistenza alla fatica e la tolleranza allo sforzo.Nell’ambito degli stimolanti, noto a tutti è l’effetto della caffeina, capostipite della famiglia delle metil-xantine, che comprende anche teofillina e teobromina. Il suo meccanismo d’azione consiste nell’ini- bizione di due enzimi deputati all’inattivazione del cAMP (adenosin- monofosfato ciclico), ovvero la fosfodiesterasi e la 5’-nucleotidasi,nell’antagonismo dei recettori dell’adenosina; mima così l’azione dei recettori _-adrenergici, inducendo rilasciamento della muscolatura liscia, diuresi, lipolisi e stimolazione del miocardio e del sistema nervoso centrale. Per legge la concentrazione urinaria della caffeina nell’atleta non deve superare i 12 microgrammi per millilitro.E’ stato dimostrato (Graham T.E., 2001) che le concentrazioni realmente efficaci nel miglioramento della performance si raggiungono solo con la somministrazione parenterale di caffeina: si ottiene un aumento della vigilanza, della resistenza, della velocità e della potenza, con una riduzione della fatica di origine centrale (per aumentato rilascio di noradrenalina). In terapia la caffeina viene uti- lizzata per le apnee del neonato, per l’ipercinesia infantile, per le sindromi influenzali e per l’emicrania (in associazione eventualmente ad antinfiammatori non steroidei). La tossicità acuta, oltre ai ben noti danni cardiovascolari e gastrici, si manifesta con nervosismo, irritabilità, insonnia in crescendo fino a convulsioni e delirio; la tossicità cronica comprende fenomeni di tolleranza e dipendenza.La teofillina, afferente alla stessa famiglia di farmaci, ha cinetica e dinamica simili; va ricordato che un atleta potrebbe utilizzarla, in buona fede, come antiasmatico.Un altro tipo di stimolanti sono gli inibitori delle MAO (monoaminoossidasi) di tipo B, in particolare la selegilina. Si tratta di un farmaco utilizzato nella terapia del morbo di Parkinson, in quanto aumenta i livelli di dopamina disponibile nello spazio sinaptico, ini- bendone il catabolismo.Sarebbe in grado dunque di migliorare la performance più che altro da un punto di vista psicmotorio, anche perché viene metabolizzato ad amfetamina. Poiché però gli inibitori delle MAO-B secondariamente aumentano i livelli di tutte le catecolamine, gli effetti collaterali da un punto di vista neurologico possono essere irrequietezza, vertigini, cefalea ed insonnia.Stesso discorso vale naturalmente per gli agonisti _-adrenergici (fenilefrina, nafazolina, oximetazolina), che alle dosi terapeutiche hanno generalmente un’azione più vaso-costrittrice che psicostimolante, ma a dosi maggiori possono indurre i medesimi disturbi nervosi.Queste sostanze, a fianco ad efedrina, pseudoefedrina e fenilpro- panolamina, vengono spesso utilizzate come decongestionanti in campo oculistico ed otorinolaringoiatrico, per cui non è infrequente che un atleta risulti positivo al controllo anti-doping per aver curato un banale raffreddore con preparati farmaceutici da banco (Tseng Y.L., Hsu H.R., 2003). Gli efedrino-simili, inibendo la ricaptazione delle catecolamine, esercitano una potente azione adrenergica e noradrenergica a livello di tutti gli apparati; notevole dunque è l’effetto ergogenico (incremento della potenza lattacida e alattacida, dei volumi respiratori e della gittata cardiaca, accelerazione di glicogenolisi e lipolisi), ma altrettanto importanti sono gli effetti collaterali, in primis l’ipertensione. Giova sottolineare che soprattutto l’efedrina, in quanto estratto vegetale di Ephedra sinica (Ma-Huang in cinese), può essere facilmente reperita in prodotti erboristici, magari con un nome strampalato ed esotico (Caprino L., Bragano M.C., 2005).Né va sottaciuto che spesso proprio nei prodotti erboristici non viene descritta in maniera corretta la presenza di tali sostanze. A tale presunto equivoco va imputata la comparsa di numerosi riscontri positivi, da qualche anno, nel campionato di calcio di serie A.Le amfetamine agiscono mediante una sommatoria di azioni dei suddetti stimolanti: infatti l’effetto simpatico-mimetico è dato: dalla stimolazione del rilascio di noradrenalina, serotonina e dopamina; dall’inibizione della loro ricaptazione e del loro catabolismo, e dal- l’azione diretta sui loro recettori.L’unica indicazione terapeutica è costituita, in neuropsichiatria infantile, dai disturbi da iperattività con deficit attentivo, in cui ci sarebbe un deficit di dopamina nella corteccia prefrontale (Corrigan B., 2003).Generalmente nell’ambito sportivo sono sfruttate per l’aumento della resistenza anaerobica lattacida e del massimo consumo di ossi- geno, e per l’effetto anoressizzante. In realtà A. George ha dimostrato nella sua metanalisi che gli effetti prevalenti sono quelli inerenti la stimolazione del sistema nervoso centrale (euforia, eccitazione, aumento dell’aggressività e dello stato di allerta), desumendo che i vantaggi sulla performance sportiva sono davvero lievi se confrontati con gli effetti avversi, sia sistemici (incremento della temperatura corporea, tachicardia, tachipnea, ipertensione), con esaurimento delle riserve energetiche, sia specifici a carico del sistema nervoso (ansia da eccessiva allerta o, al contrario, indifferenza al pericolo da eccessivo ottimismo; condotta irresponsabile; distorsione spazio-temporale fino ad allucinazione e delirio, che configurano la cosiddetta psicosi anfetaminica; tremori; tolleranza e dipendenza).L’altro grosso rappresentante della categoria degli stimolanti è sicuramente la cocaina.La cocaina è un estere dell’acido benzoico che agisce, a livello centrale, bloccando il reuptake di dopamina e noradrenalina e, a livello periferico, bloccando i canali del sodio, per cui è impiegata normalmente come anestetico locale. La cocaina fa parte di un gruppo di droghe “ricreazionali” che entra nel mondo dello sport di rimbalzo per un’assunzione di tipo voluttuario e di cui il soggetto non riesce più a privarsi. L’effetto ergogenico reale è alquanto limitato nel tempo; prevarrebbe la stimolazione dei centri del piacere. Va piuttosto evidenziato che l’abuso acuto e cronico che spesso se ne fa, anche a scopo voluttuario, è gravato da non pochi effetti dannosi per l’apparato cardiovascolare (aritmie, ipertensione, infarto miocar- dico acuto, ictus ischemico ed emorragico) e per il sistema nervoso (insonnia, agitazione, psicosi paranoide; sindrome depressiva da astinenza; crisi epilettiche).Derivati della cocaina sono gli anestetici locali (benzocaina, lido- caina, xilocaina, ecc.), distinti da un punto di vista chimico in ami- no-amidi ed amino-esteri; bloccano reversibilmente la trasmissione dello stimolo dolorifico verso il SNC. Iniezioni sistemiche sono con- siderate doping, mentre è permesso il trattamento locale.Gli effetti avversi sono legati al passaggio in circolo dell’anestetico e coinvolgono principalmente il sistema nervoso centrale (agitazione, depressione, insonnia) e l’apparato cardiocircolatorio (blocco atrioventricolare, collasso cardiocircolatorio, ipotensione).Sempre a scopo analgesico, negli sport di contatto come il pugi- lato viene utilizzata un’altra categoria di sostanze dopanti, che è all’opposto degli stimolanti: i narcotici. Questa categoria, che comprende morfina, eroina, metadone, pentazocina e simili, trova il suo meccanismo d’azione nel legame con i recettori  e tramite i quali iperpolarizza le cellule aumentando la conduttanza al potassio e riducendo quella al calcio, oppure inibisce l’enzima adenilato-ciclasi, e dunque la formazione di cAMP.L’effetto complessivo che ne deriva è una depressione di tutte le funzioni vitali, in particolare della respirazione, quindi andrebbe considerato più un ergolitico che un ergogenico, anche se, come già detto, se ne ricerca l’attività analgesica. Ricordiamo che l’abuso acuto può determinare ipertensione endocranica e coma, quello cronico tolleranza e dipendenza.Altrettanto paradossale appare l’utilizzo nello sport del tetraidro- cannabinolo (THC) e dell’alcol etilico (considerati doping solo in determinate dosi, variabili a seconda della disciplina sportiva), sostanze voluttuarie che, a parte l’effetto euforizzante, ansiolitico e antitremorigeno, ci sembrano per lo più dannose, anche sotto il pro- filo della performance.Per esempio i cannabinoidi, presenti nell’hashish e nella marijua- na ed estratti dalla Cannabis Indica, a dosi medio-basse inducono euforia e disinibizione (stimolano i centri del piacere presenti nel sistema limbico tramite legame con i recettori CB1 e CB2), ma a dosialte aggressività fino alla psicosi e turbe della memoria, ed in ogni caso possono deteriorare il livello prestazionale dell’atleta a causa del rallentamento ideo-motorio e della significativa alterazione dell’orientamento spazio-temporale e della coordinazione. L’etanolo, d’altro canto, interagisce con il sistema nervoso a più livelli: altera la permeabilità delle membrane assonali a sodio, calcio e potassio, rallentandone la conduzione; induce ipoglicemia, con progressivo declino delle funzioni cognitive ed insorgenza di fatica sia centrale che periferica; riduce il rilascio di acetilcolina, determi- nando un calo della concentrazione, dell’attenzione e della memoria a breve termine; riduce la sintesi di serotonina per inibizione della triptofano-idrossilasi, e dunque diminuisce lo stato di allerta; stimola il rilascio di dopamina nei centri del piacere; determina fluttuazioni della concentrazione di noradrenalina con conseguenti oscillazioni del tono dell’umore; compromette la funzione cerebellare causando gravi turbe della coordinazione. Le repentine variazioni del tono ortosimpatico indotte dall’alcool possono, in una prima fase (alcoolemia <50 mg/ml), essere “utili” all’atleta, sia per la sensazione di benessere e di rilassamento (ad esempio, nel tiro con l’arco, disciplina nella quale un’eccessiva tensione può essere deleteria) sia per le oscillazioni della forza musco- lare isometrica. Tuttavia, a nostro avviso, l’impiego nello sport dell’alcool è decisamente da proscrivere, per i motivi citati in precedenza, nonché per la possibilità di dipendenza ed abuso cronico, cui segue un progressivo deterioramento di tutti gli apparati: già solo a livello di sistema nervoso può causare amnesia e demenza (sindro- me di Wernicke- Korsakoff), atassia cerebellare, diplopia, neuropatie periferiche, astenia legata anche alla miopatia alcolica, delirio paranoico e, probabilmente, epilessia. Uno studio policentrico effettuato nel 2005 nei Centri di Medicina dello Sport della FMSI ha evidenziato che ben il 15% degli atleti agonisti tra i 10 e i 20 anni beve già con regolarità birra.Una categoria di farmaci proibiti, che può essere ugualmente uti- lizzata per ridurre la tensione psico-fisica associata ad una competi- zione, è quella dei _-bloccanti (carvedilolo, timololo, sotalolo, ecc.).Generalmente impiegati come antipertensivi ed antiaritmici, nello sport di precisione possono migliorare la performance, in quanto inibiscono tutte le risposte fisiologiche allo stress che, se esaltate, potrebbero essere disturbanti (p.e.: aumento della pressione arterio- sa e della frequenza cardiaca e tensione muscolare fino al tremore). Effetti collaterali neurogeni di tali farmaci sono tipicamente l’insonnia, gli incubi e la depressione del tono dell’umore. All’opposto, per attivare la branca ortosimpatica del sistema nervoso vegetativo, l’atleta potrebbe assumere un  beta 2-stimolante (a breve durata d’azione: salbutamolo, terbutalina; a lunga durata d’azione: salmeterolo, bitolterolo), che, accanto alla nota azione broncodilatatrice, pare avere, a lungo termine, effetti anabolizzanti sul tessuto muscolare. A meno che non sia dichiaratamente assunto come antiasmatico per via inalatoria, il _2-stimolante è proibito; un’eccessiva attivazione del simpatico, del resto, compromette l’efficienza e mette a rischio la salute dell’atleta, inducendo tremori, crampi muscolari e soprattutto pericolose tachiaritmie.Una rischiosa tendenza all’abuso di questi ultimi è stata evidenziata in sport di endurance particolarmente faticosi (p.e., ciclismo).A proposito di anabolizzanti, per quanto concerne la categoria degli steroidi androgeni, ed in particolare il testosterone, giova qui ricordare che, accanto ai ben noti effetti sulla crescita cellulare e sul- lo sviluppo di massa magra, tali ormoni modificano sicuramente anche l’equilibrio tra i diversi neurotrasmettitori. Ciò si ripercuote inevitabilmente sul comportamento e sulla psiche del soggetto, determinando aggressività, euforia e diminuzione del senso di fatica, gelosia paranoica, estrema irritabilità e capacità critica distorta dalla sensazione di invincibilità. Il testosterone determina un aumento taledell’ aggressività da indurre frequentemente all’omicidio e/o al suicidio. La sospensione improvvisa del farmaco determina astinenza, con sindromi depressive; inoltre si crea dipendenza dalla sostanza, con tendenza al craving (desiderio irresistibile di assumerla). T. Phili- pova e T. Ivanova in un loro studio hanno dimostrato che il nandro- lone, afferente a questa classe di ormoni, altera l’analgesia oppioide e non-oppioide e la tolleranza agli oppiacei; questo dato è interes- sante se si considera che steroidi ed oppiacei, come spesso accade in chi assume sostanze doping, possono essere associati.Un altro ormone molto utilizzato in ambito sportivo e soprattutto nel body-building, è l’ormone della crescita (GH), con struttura poli- peptidica, che determina, come è noto, un incremento della massa magra totale e della lipolisi, anche se gli studi recenti (Berggren, 2004) hanno dimostrato che a tale incremento spesso non si associa aumento effettivo della forza muscolare né della potenza aerobica in soggetti sani. Sul piano neurologico effetti collaterali possono essere miopatie e neuropatie periferiche (con dolore ed ipostenia degli arti, come nell’acromegalia), cambiamenti nel comportamento o, nel caso di estratti di ipofisi umana, addirittura la sindrome di Kreutzfeldt- Jakob, con demenza, disturbi della coordinazione, mioclonie, tremo- ri fino all’exitus.Alcuni atleti, per stimolare la secrezione di GH endogeno, asso- ciano propranolo, ADH, clonidina o L-DOPA, con effetti globali non noti e sicuramente complessi.Uno dei più grandi problemi del doping, analogamente a quanto avviene nel mondo della droga, è proprio la tendenza a costituire pericolosi cocktail di farmaci dagli effetti più disparati, a vario dosaggio, con conseguenze imprevedibi- li. Il livello di GH viene artificiosamente aumentato anche mediante assunzione di gamma-aminobutirrato, farmaco in genere utilizzato per i sintomi dell’astinenza, attualmente diffuso anche come droga “ricreazionale”, grazie ai suoi effetti sull’aumento di dopamina, che determina rilassamento e incremento della socializzazione.Sempre nella categoria degli ormoni di natura proteica, merita un cenno l’ACTH o corticotropina, che stimolando l’increzione di corti- solo migliora la risposta acuta allo stress, ma determina alla lunga meccanismi dannosi anche per la performance (riduzione della mas- sa magra per aumentata proteolisi, fino alla miopatia, e aumento della massa grassa), per il metabolismo (iperglicemia, ritenzione idro-salina) e per il sistema nervoso (alterazioni psichiche, dall’eufo- ria con iperattività ed insonnia fino a sindromi maniaco-depressive, oltre ad una sindrome da astinenza, con astenia e sonnolenza, da brusca sospensione).Per stimolare la secrezione di androgeni endogeni si utilizza inve- ce la hCG (gonadotropina corionica umana), che ha effetti simili a quelli degli steroidi androgeni, ma con peculiari complicanze neuro- logiche: forti oscillazioni del tono dell’umore ed emicrania. Tutti i suddetti ormoni inoltre possono recare indirettamente danno al sistema nervoso centrale e periferico, attraverso la compromissione della funzionalità cardiovascolare (ipertensione, edema, aumento delle LDL e riduzione delle HDL, con conseguenti cardio- patie e vasculopatie e aumento del rischio di ictus ischemico o emorragico).Ma l’ormone che più tipicamente si associa a disturbi circolatori, largamente diffuso negli sport di endurance, e in particolare nel ciclismo, è l’EPO (eritropoietina) ricombinante. Infatti, è vero che, analogamente alla pratica dell’autoemotrasfusione, migliora la resi stenza aerobica e il VO2max, aumentando la massa eritrocitaria e quindi la concentrazione di emoglobina ed il trasporto di ossigeno ai tessuti, ma l’aumento eccessivo dell’ematocrito, aggravato dall’ emoconcentrazione dell’atleta disidratato, può determinare ipertensione arteriosa diastolica, con sovraccarico del miocardio durante l’esercizio, e sindrome da iperviscosità, con rischio di trombosi, embolie ed occlusione dei piccoli vasi, soprattutto a livello cerebrale, dove ilmicrocircolo non è sottoposto alla stessa vasodilatazione di cute e muscoli in corso di esercizio fisico prolungato. I sintomi cerebrali di tale iperviscosità possono essere quindi cefalea, vertigini e disturbi visivi; a distanza di tempo è verosimile che si instauri un deterioramento cognitivo da encefalopatia vascolare ipossica. Ricordiamo che, in tempi non troppo lontani, l’uso scriteriato di farmaci non considerati doping, come gli antinfiammatori non steroidei (FANS), ha probabilmente fatto aumentare l’incidenza di SLA (sclerosi laterale amiotrofica) nei calciatori (Belli S, 2005); quindi è bene che gli atleti, le società, i medici che operano in ambito sportivo e/o riabilitativo abbiano ben presente che il farmaco è per sua natura un veleno (in greco ________, per l’appunto): “in dose venenum”, diceva Paracelso.